Queen A Night At The Odeon è sicuramente uno dei prodotti di casa Queen che ha avuto la genesi più lunga. Viene registrato nel 1975, diviene, sia su formato audio che video, uno dei bootleg più diffusi dei Queen sino a quando, nel 2009, Queen Production decide di pubblicarlo ufficialmente.

L’audio viene rimasterizzato, il video restaurato e trasmesso in TV.

Brian May da inizio ad una caccia al tesoro per trovare le immagini del bis mai trasmesse dalla BBC in occasione della trasmissione del concerto all’epoca.

Poi, all’improvviso il progetto torna nel dimenticatoio.

Fino al 2015 quando la nuova casa discografica dei Queen, seguendo un progetto iniziato l’anno prima con la pubblicazione, nel quarantesimo anniversario del concerto al Rainbow Theatre, decide che è il momento di pubblicarlo. In effetti, quale momento migliore?

Tuttavia, come detto, il concerto all’Hammersmith Odeon di Londra, presenta sin da subito due criticità:

  1. E’ conosciutissimo e quindi, sia in audio che video, non presenta sorprese.
  2. E’ un concerto che, considerato la finalità con cui era stato eseguito e registrato, non rappresenta il tour promozionale di A Night At The Opera e dura poco più di un’ora. A tal proposito, come pure i sassi sanno, la BBC non trasmise l’intero concerto ma solo il set principale ed il primo bis. Concluso quello, la maggior parte delle cineprese venne spenta e smontata, tranne una che, posizionata in mezzo al pubblico continuò a registrare il secondo bis. Di questi filmati, se ne persero, sin da subito le tracce.

Per questo motivo, quando QOL annunciò la release di questo concerto, i fans non si strapparono i capelli dalla gioia proprio perché di pubblicabile c’era davvero poco, anche considerato i famosi filmati del bis che, però, come poi reso noto unitamente ai contenuti del disco, non erano inclusi (nonostante fossero stati ritrovati ma in qualità davvero mediocre).

Queen - A Night At The Odeon viene pubblicato il 20 novembre in diversi formati, CD, DVD, BR, 2LP e il super deluxe Box Set, quest’ultimo oggetto della presente recensione.

Realizzato in solido cartoncino il box ripropone la (mediocre) picture Sleeve pensata per questa release. Se per Live At The Rainbow 74 la presenza del solo Mercury in copertina era giustificata dal fatto che la stessa riproponeva il poster dell’epoca del concerto, questa di Odeon non ha davvero nulla che giustifichi il solo lead vocal in evidenza, oltre ad un colore, violaceo, di scarso appeal.

Al suo interno si trova:

  • un vinile in 12” contenente Bohemian Rhaposdy / Now I’m Here (quest’ultima tratta dal soundcheck dello show - una chicca) con una PS che richiama quella originale del 7” del 1975 (sebbene con una definizione grafica che definire scadente è ancora un complimento)
  • Un poster del tour UK promozionale di A Night At The Opera (di cui il concerto all’Hammersmith non faceva parte)
  • Una riproduzione di uno dei biglietti del concerto del 24.12.1975
  • sei spille (riproduzioni)
  • La riproduzione del programma del tour con date, dettagli, hotel, orari degli show. 
  • La riproduzione del tour book (da notare come oltre alle notes dei membri della band, una pagina viene dedicata anche a Roy Thomas Baker)
  • La riproduzione di un stage pass e di un pass adesivo
  • La riproduzione di due palloncini gettati sulla folla prima del bis (no, non si tratta delle bambole gonfiabili, come tutti speravamo, ma due innocenti ed insignificanti palloncini arancio e verdi)
  • Un libro con copertina rigida di 60 pagine con fotografie (tutte in b/n) tratte dallo show e frasi del parlato durante il concerto, oltre a qualche citazione e immagini di memorabilie ed una sezione (poche pagine) dedicate a Bohemian Rhapsody. Nulla di particolarmente eccitante. In un box un librone non può mancare ma si poteva e doveva fare di più.
  • CD, DVD e SD Blu Ray (per i contenuti e per i commenti, vedere le categorie relative a CD e DVD).
  • (Solo tramite QOL) la riproduzione della sciarpa bianca con il logo dei Queen

Se ero stato molto contento del Box del Rainbow, tanto da viverlo come un vero e proprio viaggio nel tempo negli anni 70, lo stesso non si può dire di questo box che è si ricco di contenuti (non tutti interessanti) ma lascia un grande senso di incompiuto, non tanto per ciò che si trova nel box ma anche per la qualità realizzata.

Mi riferisco in particolare alla qualità della PS del vinile e anche alla realizzazione del libro che si riduce in un semplice collage di foto (nemmeno particolarmente belle) senza una vera logica e praticamente senza testi.

E’ evidente che oggi come oggi ogni release debba prevedere, oltre ai formati tradizionali, anche un box deluxe.
Ciò però non toglie che debba contenere contenuti interessanti ed essere diqualità (anche per giustificare il prezzo non popolare a cui viene venduto), aspetti che, questo box, purtroppo, non soddisfa del tutto. Speriamo che il prossimo box, che sicuramente arriverà nel 2016, sia migliore.

In sintesi: Queen A Night At The Odeon Deluxe Box- Voto 5 1/2


potresti leggere anche

© 2017 QueenHeaven / Privacy Policy / Cookie Policy / Note Legali