La base della RAF situata a Cranwell significa molto per Brian May, anche se non è mai stato lì. La Stazione di Lincolnshire è un luogo importante della storia della famiglia della superstar: è dove i suoi genitori si conobbero durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il leggendario chitarrista e compositore dei Queen, Brian May, ha dichiarato alla "RAF News" di non vedere l'ora di fare la sua prima visita a Cranwell, in occasione di uno spettacolare concerto all'aperto che si terrà in favore del RAF Benevolent Fund.

May ha dichiarato: "Ho provato una sorta di fitta quando ho sentito che avremmo suonato a Cranwell. Mio padre non ha mai detto molto su che cosa ha fatto durante la guerra. Mia madre era una dentista e penso che entrambi abbiano fatto il loro in quel periodo, essendo entrabi stati impegnati durante tutta la guerra."

Brian e la sua band, assieme alla stella del West End e di Broadway Kerry Ellis, si esibirà in un concerto speciale dal titolo Anthems In The Park il 16 luglio prossimo. Il tour nazionale con Kerry prende il via invece il 1° maggio alla London Royal Albert Hall.

I due hanno lavorato a lungo insieme in passato. In proposito May spiega: "E' stata la nostra prima Meat [uno dei personaggi] in We Will Rock You [il musical Queen], ha creato il ruolo e ne fui subito colpito, in particolare dalla sua voce incredibile e dopo non molto tempo si è iniziato a parlare di come trovare un veicolo adatto per una voce simile.

 
>

l padre di Brian, Harold, era un operatore radio e navigatore e volò sul Beaufighters e sui Mosquitos (tipici aerei dell'aviazione britannica della seconda guerra mondiale, n.d.t.). Era anche un musicista di talento che ha suonato il pianoforte e l'ukulele, un talento trasmesso al figlio.

Brian ricorda: "Era un musicista molto istintivo e io ho preso in mano l'ukulele perché mio padre mi ha insegnato cose alla George Formby (famoso proprio per aver perfezionato la tecnica dell'ukelele, il cui stile divenne poi utile ai Queen, tanto da essere citato nei credits di A Night At The Opera, n.d.t.). Questo dopo che avevo fatto quattro anni di lezioni di pianoforte da bambino, una cosa che in quel periodo ho odiato, ma di questo gli sono molto grato per questo, perché mi ha dato le basi della musica."

Tutti i fan dei Queen sanno che Brian ha una chitarra unica, fatta in casa - la Red Special - realizzata proprio con l'aiuto del padre Harold, con il quale forgiarono lo strumento da un pezzo di legno che rivestiva un un camino del 18° secolo. May è considerato uno dei migliori chitarristi rock di tutti i tempi, che ha avuto il privilegio di suonare God Save The Queen sul tetto di Buckingham Palace nel 2002 per il Giubileo della Regina

>

Racconta così quell'esperienza: "Amo fare cose speciali e quella lo è stata davvero. E' stato un progetto affascinante, ho realizzato tutta la parte orchestrale. All'inizio avrei dovuto attraversare un viale, ma ho detto che non era un buon modo di realizzare la cosa, così ho suggerito di usare il tetto. Ho provato con l'orchestra, ma non è andata benissimo. Così sono andato lì e ho pensato 'Che sto facendo?'. E' stato molto difficile sentire l'orchestra, ma alla fine è andata perfettamente. E' stata un'esperienza mozzafiato e mi ha insegnato ad affrontare la paura."

In una carriera stellare che si estende per più di quattro decenni, Brian definisce l'esperienza del tetto di Backingham Palace come probabilmente quella di cui va più orgoglioso. Ma ha anche bei ricordi di apparizione indimenticabile dei Queen, come quella al Live Aid nel 1985, una performance acclamata come una delle più grandi di sempre.

Racconta May: "Quelle esperienze sono state molto simili, perché entrambe erano per cause molto degne e mi hanno dato una sensazione di calore e di abilità nella gestione di adrenalina e paura."

Da bambino Brian è stato influenzato dall'amore di suo padre per gli aeromobili.

"Quando ero un bambino ho desiderato volare sugli aerei. Mio padre aveva i modelli di aerei in giro per casa e insieme abbiamo costruito modelli di Spitfire, Hurricaines e Mosquitos e volevo essere un pilota di caccia. Poi le cose sono cambiate quando ero un adolescente e ho detto a mio padre 'Perché si va in guerra?'. Sono diventato grande appassionato di musica e di astronomia e provo ancora molta emozione quando guardo gli aerei da caccia. Alcuni dei miei ricordi più vivi sono legati a quando ho visto i tre bombardieri V a Farnborough. Sono ancora contro la guerra ma, naturalmente, non si può che sostenere i ragazzi e le ragazze che vanno là fuori e rischiano la vita. Se fossi nella situazione in cui si trovò mio padre, probabilmente farei ciò che ha fatto lui.

>

Come si spiega Brian la massiccia influenza che i Queen hanno su fans apparteneneti a generazioni diverse tra loro?

"Non lo so, ma siamo stati molto fortunati ad avere questo. Penso che ci sia una passione nel modo in cui abbiamo scritto e registrato tale da far identificare la gente. Noi tutti condividiamo gli stessi demoni. Le nostre canzoni generalmente esprimono i sentimenti della gente. Eravamo molto competitivi tra noi quattro."

Freddie è morto nel 1991 e Brian ha dichiarato che pensa a lui ogni giorno. Nel 2005 l'ex cantante dei Free e dei Bad Company, Paul Rodgers, si è unito a Brian e al batterista Roger Taylor in tour con i Queen.

"E' stato davvero un bene per Paul e per noi farlo, ma non abbiamo piani al momento per collaborare di nuovo."

Inoltre May non sembra avere un progetto per suonare con un altro cantante, anche se il chitarrista ha rivelato che potrebbero riunirsi per un concerto una tantum, per celebrare i 40 anni dei Queen proprio quest'anno.

"Ho speso un sacco di tempo a cercare nel passato e dopo un pò può bastare. Sono felice di andare in tour con Kerry a maggio, è la nuova fase che preferisco.

>

Quanto erano bohemian i Queen?

"Siamo stati un prodotto del nostro tempo. Abbiamo vissuto a Kensington e tutto ciò che significava in quei giorni, con Biba e Kensington Church Street E' stato molto colorato, non esattamente bohemien, più lucido di quello stile."

E' ancora regolarmente in contatto con altri membri del gruppo, Taylor e il bassista John Deacon?

"Vedo Roger con regolarità, abbiamo un sacco di incontri. John si èseriamente ritirato dalla musica dal vivo (nel 1997)."

Non solo un musicista con un talento fenomenale, Brian è anche un astrofisico (ha un dottorato di ricerca in materia). E' apparso nella puntata numero 700 della trasmissione Sky at Night all'inizio di questo mese con Sir Patrick Moore e il professore Brian Cox. Allora cosa c'è al di là di un buco nero? "Chiedi a Brian Cox", ha detto il dottor May. Coltiva inoltre un grande per la fotografia stereoscopica di epoca vittorian e nel 2009 ha scritto un libro come co-autore su questo tema, dedicato al lavoro di TR Williams.

E' anche un appassionato difensore dei diritti degli animali, ha fondato il gruppo per la campagna Save Me ed è particolarmente attivo nel contrastare l'abbattimento tasso e l'abrogazione della legge per la caccia alla volpe. E' vero che preferirebbe essere ricordato per il lavoro a difesa dei diritti degli animali piuttosto che per il successo nella musica o la scienza?

"Probabilmente sì, se posso cambiare qualcosa in difesa degli animali, affinché si smetta di abusare di loro. Ma è' una grande sfida anche promuovere Anthems (l'album scritto e prodotto per Kerry Ellis, n.d.t.). Sono sicuramente molto orgoglioso di ciò che stiamo facendo.

>


© 2017 QueenHeaven / Privacy Policy / Cookie Policy / Note Legali